IL LIBRO DI ERNESTO SOLARI DEDICATO A LEONARDO NELL'OCCASIONE DEL 500° ANNIVERSARIO DELLA MORTE

IL LIBRO ATTESO DA MOLTI CHE FARA' FINALMENTE LUCE SUL VERO LEONARDO

 

UN LIBRO CHE PROPONE UNA VERITA' NUOVA

SU LEONARDO E SULLE SUE OPERE

Leonardo aveva una formazione Neoplatonica contrariamente a quanto affermano alcuni luminari che lo ritengono un Aristotelico, scienziato e inventore....il libro intende ricollocare Leonardo nel suo tempo e giudicarlo in base alla sua formazione ed alla sua cultura...che non è quella del letterato, dello scienziato e lo testimonia la sua biblioteca che aveva fra i suoi autori astrologi, alchimisti, filosofi, teologi, maghi e terapeuti quali: Ermete Trismegisto, Alberto Magno, Alcabizio, Bonatti, Landino, M. Scoto, A.da Villanova, Ficino, Agostino, ecc...

 

"..Non si può negare che i suoi dipinti sottendano significati nascosti e che

non considerarli condurrebbe a fornire di Leonardo un'immagine parziale o falsata." 

La conclusione a cui questo libro vuole giungere 

è che non si può  prescindere da una possibile fede, o mistica, leonardesca che la gran parte di studiosi ha sempre negato.

Dall'analisi di opere come il Cenacolo sembra ormai fuor di dubbio

che Leonardo sentisse il bisogno di trovare risposte a molti

interrogativi legati, per esempio, ai misteri della creazione.

C'era in lui la necessità di credere in un Essere superiore e

in una visione spirituale delle cose.

Nel 2020 si ricorderanno i 500 anni della morte di Raffaello e questo libro, partendo proprio dai due ritratti che Raffaello effettuò a Leonardo nei panni di Platone e di Re David, vuole rendere omaggio anche al Maestro che ebbe grande rispetto ed ammirazione per il Vinciano e grazie a Lui possiamo affermare di aver scoperto un Leonardo più vero e più coerente col suo pensiero, con la sua filosofia ma anche con la sua fede religiosa.

Presentazione nella città del Conte di Caiazzo, il grande amico e collaboratore di Leonardo, Galeazzo di Sanseverino. Solari sarà ospite dell'Associazione Storica del Caiatino e del Comune di Caiazzo, l'antica città della provincia di Caserta dove potrebbe essere passato Leonardo proprio in compagnia di Galeazzo, genero di Ludovico il Moro, in quel viaggio verso ilopanna (A Napoli) di cui Leonardo scrive nel Memorandum Ligny. La conferenza avrà luogo il prossimo 13 Luglio alle ore 17,30 presso Palazzo Mazziotti, ex Palazzo Sanseverino.

 

*********************************************

PRESENTAZIONE A MINORI IN COSTIERA NELLA TERRA DI GIOVANNA D'ARAGONA DUCHESSA DI AMALFI...Il 31 Luglio alle ore 20,30

Solari darà alcune anticipazioni sui riferimenti relativi alla presenza di Leonardo in Campania....(saranno motivo di un convegno che si terrà a Napoli nel mese di Novembre)...della Quadrella appartenuta a Giovanna d'Aragona, della Gioconda Napoletana e di alcuni scritti di Leonardo ove lo stesso fa riferimento ai luoghi Salernitani e Campani.

PRESENTAZIONE DI CASERTA IL 13/9/19  Associazione Culturale Terre Blu, via San Nicola 27-Caserta 0823 1550229

Ha dialogato con l'autore il prof. Luca Ferrara

CURRICULUM DI LUCA FERRARA

Luca Ferrara ha conseguito nel 2016 il titolo di  dottore di ricerca  in Scienze Filosofiche, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II di Napoli con una tesi sui paradigmi della temporalità in Kant e Bergson. Rivolgendo i suoi interessi in modo particolare nei confronti del pensiero moderno, ha pubblicato diversi articoli e saggi sul pensiero di Kant e Cartesio (tra questi va annoverato La nozione di azione nella gnoseologia kantiana).  Collabora attivamente con il Rosmini Institute, dove ha realizzato il primo videocorso sulla Critica della ragion pura. Attualmente è docente di storia e filosofia presso il Liceo Scientifico Nino Cortese di Maddaloni.

 

*****

PRESENTAZIONE DI TORINO : A CENA CON L'AUTORE

LIBRERIA BINARIA DEL GRUPPO ABELE

IL 20/9719 ORE 20-VIA SESTRIERE 34

 https://www.facebook.com/events/641824802978884/

 

PRESENTAZIONE: A ROMA (2/10)

HOTEL ART DI VIA MARGUTTA 56 H.18

L'Associazione Internazionale di Via Margutta ha presentato il suo rinnovato Consiglio Direttivo. Al termine dell’insediamento del nuovo Consiglio, come primo appuntamento culturale del programma, la presentazione del libro del Prof. Ernesto Solari “Leonardo Neoplatonico. Gli arcani occultati” edito da Colibrì.

Il prof. Ernesto Solari è artista e ricercatore; è studioso di simboli ed esperto di alchimia e Kabbala. Da tempo è considerato fra i maggiori esperti dell’opera di Leonardo e di altri artisti del Rinascimento. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti da parte di illustri professionisti del mondo dell’arte e della cultura, ha effettuato studi ed expertise di opere rinascimentali appartenenti a collezioni italiane e straniere.

 

  PRESENTAZIONE A MILANO (4/10)

BIBLIOTECA SORMANI-SALA GRECHETTO

H.18 CON LA PRESENZA DEL FILOSOFO MAURIZIO MIGLIORI

Milano, venerdì 4 ottobre, ore 18.00 -Palazzo Sormani, – Sala del Grechetto

VIAGGIO NEL PENSIERO MISTICO ED ESOTERICO DEL GRANDE GENIO

Ha dialogato con l’autore il filosofo Maurizio Migliori

Ha introdotto la scrittrice Erminia Dell’Oro

Milano, 17 settembre 2019 - Il campanile sullo sfondo del Cenacolo è quello dell’abbazia di Piona nel lecchese? Il ritratto della Gioconda è stato concepito fra le colonne del Santuario della Rocchetta di Airuno? La quadrella di eterna vernice rappresenta il primo autoritratto di Leonardo da Vinci? E soprattutto: Leonardo era solo scienza e tecnica o anche misticismo e simbolismo? Quale testamento nascosto ha lasciato nelle sue opere?

A questi e ad altri affascinanti interrogativi, su cui gli studiosi dibattono da secoli, cerca di rispondere lo storico dell’arte ed esperto leonardesco Ernesto Solari con il suo ultimo libro “Leonardo neoplatonico. Gli arcani occultati”, edito da Colibrì in occasione dei 500 anni dalla morte del grande artista e scienziato, che sarà presentato il prossimo venerdì 4 ottobre, alle ore 18.00, presso la sala del Grechetto di Palazzo Sormani, in corso di PortaVittoria 6.

 

PRESENTAZIONE ALLA LIBRERIA COLOMBRE DI ERBA

SABATO 12 OTTOBRE H.17,30

VIA PLINIO, 27 - TEL. 031 610999

DIALOGA CON L'AUTORE ANNA PROSERPIO

Architetto e Dirigente del Liceo "Fausto Melotti" di Cantù

=======================================================

PRESENTAZIONE AL BROLETTO DI TODI

SABATO 19 OTTOBRE H.10,30

DIALOGA COL GIORNALISTA ELIO ANDREUCCI

PRESENTA L'ASSESSORE ALLA CULTURA CLAUDIO RANCHICCIO

IMMAGINI DELL'EVENTO E BREVE RASSEGNA STAMPA (PDF)

*************

INTERVISTA A MILANOW - TELELOMBARDIA

*******************

PRESENTAZIONE A NAPOLI, SEDE LEGA NAVALE, 8/11, H.16

CONVEGNO SU

"LEONARDO E IL LEONARDISMO A NAPOLI"

* * * *

LA PRESENTAZIONE A NOVARA

PALAZZO DELL'ARENGO IL 15 NOVEMBRE ORE 17,30

 

 

 

 

 

* * *

“Leonardo neoplatonico. Gli arcani occultati”, Edizioni Colibrì, pag. 206, € 25,00. Distribuito da Unicopli,

è disponibile sulle principali piattaforme di vendita on line.

 

IL LIBRO SI TROVA NELLE MIGLIORI LIBRERIE DELLA LOMBARDIA

A TORINO: LIBRERIA BINARIA, via sestriere,34

A ROMA: LIBRERIA ANOMALIA, via Campani, 73

A COMO: LIBRERIA FELTRINELLI

 

CALENDARIO PRESENTAZIONI (rassegna stampa)

Dopo le anteprime di Formello/Roma(2/12/2018) (info),

Como (8/2) (info), di Oggiono (26/3) (info), Salsomaggiore (2/5) (info)

 

  1-presentazione a Basilea: Dante Alighieri (3 giugno) (info)
  2-presentazione a Como Feltrinelli (13 giugno) (info)
  3-presentazione a Caiazzo Ass.Storica Caiatino(13 luglio, h.17,30)
(info)

   4-presentazione a Minori-Sa (31 Luglio ore 21,30) (pagina/foto)

  5-presentazione a Caserta Ass.Culturale TerreBlu 13/9 (foto/R.Stampa)

  6-presentazione a Torino /Libreria Binaria (20 sett. ore 20)**(foto)

  7-presentazione a Roma (2 ottobre h.18)  Hotel Art, via Margutta 56

https://www.fashiondmg.it/2019/10/04/presentazione-del-nuovo-consiglio-direttivo-dellassociazione-internazionale-di-via-margutta/

Patrimonio Italiano TV - Intervista/ inaugurazione di via Margutta

https://www.youtube.com/watch?v=UuOeymAfp3o

https://www.fashiondmg.it/2019/10/04/presentazione-del-nuovo-consiglio-direttivo-dellassociazione-internazionale-di-via-margutta/
  8-presentazione a Milano Sala Grechetto/Sormani (4 ottobre,  h.18)*

 Col Filosofo Maurizio Migliori: (Rassegna stampa parziale e interviste)

(ascolta) intervista a Radiolombardia

 9-presentazione a Erba  Libreria Colombre (12 ottobre h.17,30)
10-presentazione a Todi, Palazzo Comunale (19 ottobre h.10,30)

11-presentazione a Napoli convegno L.N.I (molosiglio)8 novembre h.16 *
12-presentazione a Novara, Sala dell'Arengo (15 nov. h.17,30)

13-presentazione a Forlì, Fondazione Cassa Risparmi ( 2020)

==================================================

* Terre Blu, via San Nicola 27-Caserta 0823 1550229 : Dialogherà con l'autore il prof. Luca Ferrara (filosofo)

** Libreria Binaria Torino, via sestriere,34: a cena con l'autore E.Solari (la cena nel   

     prezzo del libro E.25; solo la cena E.15) prenota al tel: 011-537777 o binaria@gruppoabele.org

Binaria - centro commensale ha aggiornato l'immagine di copertina dell'evento in Cena filosofica - Il genio di Leonardo e il neoplatonismo https://www.facebook.com/events/641824802978884/

 

***Affiancheranno Solari nella presentazione milanese la Dott.ssa Erminia Dell'Oro e il Prof. Maurizio Migliori, illustre filosofo e docente all'Università di Macerata.

 

LE TAPPE DEL TOUR DI PRESENTAZIONI DEL LIBRO "LEONARDO NEOPLATONICO, ARCANI OCCULTATI"...

E' terminato il ciclo di incontri che avevo programmato in luoghi di particolare interesse leonardesco, anche se all'appello mancano ancora alcune località dove mi auguro sia possibile programmare  nuove tappe nei prossimi mesi.

Il "tour" è iniziato con alcuni incontri che hanno preceduto l'uscita del libro, durante i quali ho dato delle  anticipazioni sui contenuti:  a Como, presso la sede del Corriere di Como,  a Oggiono,  patria di uno fra gli allievi più vicini a Leonardo, e a Palazzo Chigi di Formello (Roma), nell'ambito della rassegna "Formello incontra" ( ad anticipare quello che era il punto di partenza del Libro, cioè la strada aperta da Raffaello coi due ritratti di Leonardo effettuati a Roma, il Leonardo Platone col Timeo sottobraccio nella scuola d'Atene e il Leonardo nei panni di Re David che suona la cetra nella Disputa del Sacramento); infine, il 2 Maggio 2019, al Grand Hotel di Salsomaggiore in provincia di Parma, luogo che ha espresso talenti come il Parmigianino e il Correggio che risentirono degli influssi di Leonardo e che certamente utilizzarono simbolismi di carattere esoterico che, come è spigato nel libro  sono presenti anche nelle opere di Leonardo.

La prima tappa del tour a pubblicazione avvenuta,  mi ha portato, il 3 giugno, a Basilea, città legata al Neoplatonico Cusano ma anche ad un artista nordico, Albrecht Durer; questi, nel mio libro,  è protagonista assieme a Raffaello, di cui era amico. Inoltre, grazie ad una mia pregressa conoscenza delle sue opere  Durer è diventato la via per una conoscenza delle verità celate o occultate nelle opere del Vinciano.

Dopo la presentazione del libro alla Feltrinelli di Como del 13 Giugno, tappa obbligata visti i profondi legami fra Leonardo e il Lario, legami che la città non ha mai voluto di fatto riconoscere, mi sono mosso verso sud, vista anche l'ipotizzata presenza di Leonardo in quei territori e precisamente in Campania. La prima tappa è stata nella Contea di Caiazzo, il cui Conte era il grande amico di Leonardo, Galeazzo di Sanseverino, nonchè genero di Ludovico il Moro, il probabile accompagnatore di Leonardo in questo viaggio al sud. In effetti la famiglia Sanseverino è stata una delle famiglie più nobili e ricche della Campania con numerosi possedimenti in diverse città fra le quali anche Napoli col famoso Palazzo Sanseverino, oggi Chiesa del Gesù Nuovo.

Successivamente sono stato nella splendida costiera Amalfitana, alla Corte di Giovanna d'Aragona, Duchessa di Amalfi, Minori, Maiori e Ravello: la conferenza si è tenuta a Minori il 31 Luglio, motivo conduttore della presentazione è stata la Quadrella d'eterna vernice, donata da Leonardo a Giovanna in occasione della nascita del figlio e la successiva donazione della stessa opera alla famiglia Fenicia di Ravello da parte della  Duchessa.

La terza tappa in Campania è stata il 13 settembre a Caserta  presso la sede dell'associazione culturale TerreBlu alla quale sarebbe dovuta seguire, quale ovvia conclusione del tour Campano, la tappa di Napoli che è stata però rinviata all'8 novembre.

Dopo la tappa di Caserta sono ripartito da Torino, città dove si trova il famoso ritratto di Leonardo a cui si è ispirato Raffaello per il suo Platone: la presentazione è avvenuta il 20 settembre presso la Libreria Binaria della associazione Libera di Don Ciotti ed è stata organizzata come cena filosofica con l'autore proprio per  ricordare il legame fra il ritratto torinese e il Platone di Raffaello.

La presentazione successiva non poteva essere che a Roma, infatti in quella città Leonardo sviluppò i suoi interessi per l'esoterismo e l'alchimia, tanto è vero che proprio a Roma venne accusato di stregoneria e obbligato dal Papa Medici ad allontanarsi dalla città e dall'Italia: la conferenza si è tenuta il 2 ottobre a Via Margutta, all'Hotel Art, in occasione della presentazione del nuovo comitato organizzatore degli eventi di Via Margutta, da sempre la via romana degli artisti.

Il 4 ottobre mi sono spostato a  Milano, città che ha visto Leonardo protagonista fin troppo poliedrico in questo 500° anniversario della sua scomparsa. E mi è sembrata l'occasione più giusta per parlare del Leonardo Neoplatonico, presso la Biblioteca Sormani-Sala del Grechetto, assieme al filosofo platonico prof. Maurizio Migliori, per mettere a fuoco la formazione Neoplatonica di Leonardo, contrariamente a ciò che si scrive e si vuole far intendere, cioè un Leonardo assolutamente Aristotelico.

Sembra che Leonardo, in questo anniversario, sia diventato soprattutto uno scienziato ed un inventore del tutto; con  il mio libro cerco di  ricollocare Leonardo nel suo tempo e giudicarlo in base alla sua formazione culturale: la sua biblioteca non era formata solo da libri di letteratura e di scienze, come qualche luminare vuole erroneamente farci intendere, infatti fra gli autori dei suoi testi troviamo astrologi, alchimisti, filosofi, teologi, ecc...

Alla tappa milanese è seguita una tappa comasca, presso la Libreria Colombre di Erba, il 12 ottobre, a ribadire i legami col territorio lariano.

La tappa seguente del  19 ottobre a Todi, presso il palazzo Comunale, aveva come obbiettivo mettere in risalto il rapporto fra i due neoplatonici Leonardo e l'architetto Bramante in relazione ad un progetto Leonardo che si ipotizzava far nascere nei territori umbri; secondo qualcuno nel progetto bramantesco  del Tempio della Consolazione  vi sarebbe lo zampino di Leonardo, ma come si può immaginare è più la spinta di un certo campanilismo locale che la presenza di elementi certi a motivare tale progetto. Alla tappa umbra è seguita la tappa napoletana, il giorno 8 novembre, presso la sede della Lega navale Italiana di Napoli nell'ambito di un convegno dedicato a Leonardo e i leonardismi in Campania. Infine  Novara, il 15 novembre. Ebbene qui la concomitanza di troppi eventi locali e alcune mancanze organizzative e pubblicitarie ha impedito che i cittadini  venissero a conoscenza di un'opera Leonardesca presente in territorio di Novara (a Orta San Giulio) e attribuita ad un allievo di Leonardo, Giovanni Agostino da Lodi.

Del tour si sta completando un'ampia rassegna stampa che ha toccato tutte le località dove il libro è stato presentato con alcune interviste filmate o radiofoniche che possono essere riascoltate sul sito internet o su Youtube.

==================================================

COMUNICATO STAMPA

nel nuovo libro di ernesto solari

un viaggio inedito nel pensiero mistico

ed esoterico del grande genio

trent’anni DI STUDI e nuove scoperte svelano

I SORPRENDENTI SIGNIFICATI NASCOSTI

DELLE SUE OPERE

Le suggestive tesi dello storico dell’arte citate da Carlo Pedretti e incoraggiate da Federico Zeri, i grandi esperti di Leonardo a cui è dedicato il volume

- La misteriosa Gioconda era una dama napoletana? Il campanile sullo sfondo del Cenacolo è quello dell’abbazia di Piona nel lecchese? Le quadrella di eterna vernice rappresenta il primo autoritratto di Leonardo da Vinci? E soprattutto: Leonardo era solo scienza e tecnica o anche misticismo e simbolismo? Quale testamento nascosto ha lasciato nelle sue opere?

A questi e ad altri affascinanti interrogativi, su cui gli studiosi dibattono da secoli, cerca di rispondere lo storico dell’arte ed esperto leonardesco Ernesto Solari con il suo ultimo libro  “Leonardo neoplatonico. Gli arcani occultati”, edito da Colibrì in occasione dei 500 anni dalla morte del grande artista e scienziato.

Solari propone ai lettori un da Vinci inedito e stupefacente, che non mancherà di stimolare ulteriormente il dibattito mai esaurito intorno a questa importante figura: non più solo genio della scienza e della tecnica ma, soprattutto nell’età matura, artista e pensatore intriso di spiritualità, esoterismo e simbolismo. Secondo la tesi del volume, Leonardo utilizzava le sue conoscenze in questi campi per lasciare nei propri dipinti una traccia apparentemente invisibile e quasi subliminale del suo testamento spirituale.

Grazie a trent’anni di indagini appassionate, ricostruzioni, prove scientifiche e nuove scoperte inedite, Solari svela la formazione neoplatonica del Vinciano e i sorprendenti significati nascosti delle sue opere, rilette sotto la lente di strumenti mai presi in considerazione prima: dalla Kabbala ebraica al Vangelo di Giovanni, dall’interpretazione dei Tarocchi delle corti cinquecentesche alla numerologia del pensiero pitagorico. In questa lunga e complessa esplorazione del lato filosofico e spirituale del fiorentino, Solari è stato incoraggiato da due dei più grandi esperti di Leonardo, Carlo Pedretti e Federico Zeri, ai quali il volume, che contiene le loro lettere, è dedicato.

***

Il testamento spirituale di Leonardo. Secondo la tesi innovativa dell’autore, il genio fiorentino e i suoi lavori non possono essere racchiusi in una visione esclusivamente “aristotelica”, tecnica e scientifica. «Inquadrare Leonardo in questa cornice ristretta significherebbe dare un’immagine parziale e falsata di uno dei più importanti talenti della storia dell’uomo», argomenta Solari, secondo il quale la pittura di Leonardo dimostra di essere il frutto della cooperazione tra l’emisfero cerebrale destro, artistico, sfumato, mutevole, intuitivo-spirituale e femminino, e quello sinistro, geometrico, rigido, schematico, razional-materialistico e mascolino. Nel libro l’autore spiega come Leonardo stesso nei suoi dipinti proponesse al giudizio dell’osservatore il suo metodo sacro-artistico-scientifico attraverso la forza del colore e la struttura geometrica invisibile ed esoterica dell’intera composizione pittorica. «L’obiettivo di Leonardo, che considerava la Bibbia come testo storico di esoterismo applicato - spiega Solari - era lasciare un testamento spirituale, una sorta di indottrinamento biblico subliminale in chi si immerge nei modelli geometrici alla base delle sue opere, nella ricorrenza dei numeri, nello sfumato dei contorni, nell’intensità e impenetrabilità dei volti».

La biblioteca del genio e l’indagine sui misteri della creazione. Questo incredibile viaggio nella mente mistica di Leonardo ci porta a conoscere un uomo alla ricerca di risposte ai molti interrogativi legati ai misteri della creazione: un pensatore, oltre che artista e ingegnere, che per questo teneva e consultava, nella sua fornita biblioteca personale, - che non era costituita solo da opere letterarie e scientifiche - oltre al Timeo di Platone, utilizzato quasi come un “breviario”, anche i testi di filosofi, astrologi, teologi e umanisti come Agostino, Alberto Magno, Alcabizio, Ficino, Landino, Pelacani, Sacrobosco, Scoto, Trismegisto e Gioacchino da Fiore.

Una tesi che trova riscontro anche in due celebri ritratti eseguiti dall’amico Raffaello, che ha raffigurato Leonardo nella “Scuola di Atene” nei panni di Platone con il Timeo sotto braccio e nella “Disputa del Sacramento” nella veste di Re Davide che suona la cetra.

La data dell’Ultima Cena e altri misteri. Numerose e inattese le interpretazioni e le scoperte che emergono dal volume riguardo opere di fama universale ma anche dipinti meno conosciuti: dalla Gioconda costruita secondo le proporzioni di una chiesa a croce latina (pagg. 86-88), alla Dama con l’Ermellino in cui ricorre la numerologia del Paradiso dantesco (pagg. 67-68) fino all’Ultima Cena, dedicata al mistero della creazione e realizzata secondo gli insegnamenti di Platone, Enoch (personaggio biblico antenato di Noè), e Giovanni Evangelista, in cui la struttura geometrica e il colore riportano a elementi che ricorrono nella Kabbala, nel Vangelo di Giovanni, nella fenomenologia celeste (come la ruota dello zodiaco e la precessione degli equinozi), e che consentirebbero anche di datare la cena di Gesù con gli apostoli entro il giorno 20 marzo (pagg. 95-104).

La Gioconda napoletana e i paesaggi lecchesi. Studiando approfonditamente questi e altri dipinti, Solari si è imbattuto in indizi e prove che svelerebbero anche altri misteri custoditi nell’opera leonardesca, che potrebbero sciogliere interrogativi su cui gli storici dell’arte dibattono da 500 anni: secondo la tesi bene argomentata del libro, infatti, Monna Lisa sarebbe una dama napoletana, Isabella d’Aragona, mentre sullo sfondo della stessa Gioconda e del Cenacolo sarebbero riconoscibili i paesaggi del lecchese: il ritratto della misteriosa protagonista sarebbe stato infatti concepito fra le colonne del Santuario della Rocchetta di Airuno (pag. 89) mentre il campanile dell’Ultima Cena viene identificato dall’autore con quello dell’Abbazia di Piona (pag. 190)

La sigla di Leonardo sulla quadrella d’eterna vernice. Interessante, all’interno del volume, anche lo studio sugli autoritratti di Leonardo, che Solari rinviene nel Musico (il genio del resto si presentò a Milano come musicista) e nell’Uomo Vitruviano (pag. 66), ma anche nell’Adorazione dei Magi (pag. 60) e soprattutto nella quadrella d’eterna vernice raffigurante l’arcangelo Gabriele (pag. 49), uno dei primi lavori del giovane Da Vinci, in cui compare anche la sigla LDV, opera sottoposta a termoluminescenza e periziata dalla stimata grafologa Ivana R. Bonfantino, come riportato nel libro, a cui è seguito un successivo expertise effettuato da Giuliana Gardelli, fra i massimi esperti di ceramica rinascimentale.

********************************************************

 Il libro, che è dedicato in memoriam a Carlo Pedretti e a Federico Zeri per il sostegno e l'incoraggiamento avuto nell'intraprendere una lettura delle opere di Leonardo da Vinci in chiave Neoplatonica e simbolica, è a colori, ha circa 210 pagine nel formato 19,5 x 24,5 ed è pubblicato dall'Editore Colibrì. Il costo è di Euro 25,00. E' distribuito in Italia da Unicopli ma si può richiedere sui maggiori siti di libri online.

HOME